Disney e i suoi fan contro la cronologia dei media francesi: Liberazione

Lo studio minaccia di non distribuire la seconda puntata di “Black Panther” nei cinema francesi, continuando la sua attività di lobbying contro la linea temporale dei media. Disastroso, i tifosi mangiano dalla mano del colosso americano.

In un momento storico in cui il dibattito sembra essersi sbarazzato di tutto ciò che lo ingombrava (sfumature, senno di poi) per modellarsi sulle dinamiche più leggibili ed efficaci della competizione sportiva (squadra 1, squadra 2, un solo vincitore e se sei al centro significa che sei un traditore o un coglione), il pubblico spesso preferisce schierarsi dalla parte dei più forti. O almeno colui che gli porta ciò che vuole: piacere senza indugio. Ultimo esempio di questa grande sconfitta collettiva, il malcontento di una frangia di spettatori che calpesta la cronologia dei media francesi, che rischia di compromettere l’uscita nelle sale, sul nostro territorio, dell’attesissimo Black Panther: Wakanda per sempre. Almeno è così che la Disney si diverte a presentarlo, inasprindo il business dei ricatti già avviato quest’estate: lo studio americano ha quindi annunciato che non avrebbe distribuito il suo film d’animazione natalizio. Avalonia, lo strano viaggio nei cinema francesi, in segno di protesta contro i regolamenti descritti come “ingiusto, restrittivo e inadatto alle aspettative del nostro pubblico”. La stessa minaccia è brandita oggi per la seconda parte di Pantera nerala cui prima opera aveva accumulato 1,3 miliardi di dollari in tutto il mondo.

Divorare blockbuster

La lotta è resa particolarmente sordida dal fatto che il settore fieristico francese quest’estate ha registrato le presenze più catastrofiche degli ultimi tre decenni: la sopravvivenza economica dei cinema, svuotati di parte del loro pubblico a causa della pandemia, sembra più che mai aggrappata al rilasci redditizi delle major americane. Ma stranamente i metodi della Disney, in una situazione di quasi monopolio del botteghino, sono considerati legittimi dai consumatori più alienati. Mordendo l’esca, si affrettano a difendere il boss del cortile. E sono indignati per la malvagia legislazione francese che mina il loro diritto inalienabile di ingoiare blockbuster al ritmo che la Disney ritiene desiderabile per i suoi grandi interessi di lobby.

Ciliegia sulla debacle, un video disastroso di Crudo venne ad afferrare il soggetto in forma didattica che, non contenta di giocare la carta dell’infantilizzazione con una messa in scena di vero TikTok elude anche alcune delle parti più importanti del caso. Anche diffondendo demagogie false – contrariamente a quanto si sente lì, paesi diversi dalla Francia hanno una cronologia mediatica e, molto recentemente, nel marzo 2022, l’Italia ha deciso di stabilire una finestra di quattro-novanta giorni di esclusività dei film nelle sale prima che vengano messi online .

L’imperialismo culturale americano

Breve promemoria, appuntato sopra il comodino dei giornalisti cinematografici: la cronologia dei media organizza i tempi di trasmissione dei film tra diversi media (teatri, TV, DVD, piattaforme) in base al loro livello di contributo al modello francese. Da gennaio 2022, l’ultima riforma ha consentito a Canal+ di trasmettere film sei mesi dopo la loro uscita nelle sale; quindici mesi per Netflix, in cambio di nuovi obblighi di finanziamento per la creazione francese ed europea; e diciassette mesi di default per il resto delle piattaforme in abbonamento, come Disney, che non hanno voluto prendere impegni con la professione, e sono quindi libere di riconsiderare la propria decisione. Lungi dall’essere attribuiti arbitrariamente, i posti più favorevoli sono quelli dei grandi contributori che hanno giocato il gioco degli accordi interprofessionali.

Questa architettura normativa è al centro del modello che permette di difendere e tutelare la creazione indipendente, le persone che la animano, ma anche il diritto del pubblico a godere di un’offerta abbondante e diversificata. Non proprio un problema della Disney, che non vede perché le proprie produzioni debbano aspettare più di un anno prima di essere offerte agli abbonati francesi alla sua piattaforma Disney+. Topolino sembra determinato a dimostrare che l’imperialismo culturale americano non è una vecchia luna lasciata in un angolo degli anni ’80, e beneficia di una leva di pressione che prima non esisteva in tali proporzioni, particolarmente vantaggiosa (perché totalmente “gratuito”) : gli ammiratori.

Il tifoso è diventato la voce maggioritaria

Una settimana fa, il giornalista americano Sean Burns ha scritto sul sito Film di North Shore una recensione di Impiegati IIIl’ultima parte del franchise è iniziata nel 1994 da Kevin Smith su due fallimenti lavorando come cassiere in un minimarket e trascorrendo la maggior parte delle loro giornate a parlare di sesso e Guerre stellari. Il problema di Impiegati III, sottolinea Burns, è che sfrutta la vena dei primi due film, in un momento in cui i rapporti erano completamente invertiti. Nel 1994, discutere per ore di film il cui pubblico di destinazione era (e resta) i bambini di 8 anni aveva un fascino contorto e gioiosamente infantile. Nel 2022, è un argomento mainstream, saturo e potenzialmente tossico quanto i dibattiti sul calcio o sulle automobili.

Da eccentrico cosino che lavora ai margini, il tifoso è diventato una voce maggioritaria. Lo ascoltiamo ululare sui social network, gli obbediamo obbedientemente e scriviamo film su misura per lui. Così ora partecipa con entusiasmo agli attacchi di pressione e alla presa di ostaggi da parte di grandi studi come la Disney, troppo felice per far parte della squadra vincente d’ora in poi. In il migliore dei mondiAldous Huxley ha descritto la dittatura perfetta come “un sistema di schiavitù in cui, attraverso il consumo e l’intrattenimento, gli schiavi avrebbero l’amore della loro servitù”. CQFD?

Ulisse Esposito

"Studente. Specialista del Web. Guru della musica. Esperto di bacon. Creatore. Organizzatore. Tipico viaggiatore. Studioso del caffè. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

desi hard porn youjizz.sex vel movie pooja xxx pornojo.mobi indian porrn videos قصص محارم شراميط analotube.net نيك مصرى قديم porn vergin xbeegtube.mobi bangali xxx in 31 tagalog tvteleserye.net ang probinsyano march 8 2022 episode advance full episode
blonde pussy freejavporn.mobi 麻呂の患者は ارضع بزازي fastfreeporn.com عنتيل المحلة sex telugu sex xxxx nimila.net tubetrooper bihari local sex video bigztube.mobi bollywood hq kajal agarwal sex pornspider.info hut sexy video
سكس فدي samyporn.com سكس جد desi xxx clips tubevector.mobi www.x video سكس مؤخره freepornarab.net سكس مخنثين xvxx videos hindisexclips.com free xvideos download shota futa guruhentai.com witch of steel: annerose