“La Serbia non ha il diritto di perdonare la Nato”

A Vranje c’è una “strada della morte”, Pržarska, lunga circa un chilometro e mezzo, e in ogni casa almeno qualcuno è malato di cancro. Questo da solo è sufficiente per ricordare che la Serbia non ha il diritto di perdonare la NATO per l’uranio impoverito scaricato durante l’aggressione del 1999 contro il nostro Paese, afferma l’avvocato Srđan Aleksić, che il 16 ottobre avrà la prima udienza per due processi contro l’Alleanza.

Aleksić, come rivela, ha avviato la battaglia legale contro il patto Nato per motivi personali: sua madre è morta a causa dell’uranio impoverito, così come molti dei suoi parenti nel villaggio di Buštranje, vicino a Vranje.

E la NATO lo ha riconosciuto

La stessa NATO ha ammesso di aver bombardato Pljačkovica e quattro villaggi vicino al confine con la Macedonia del Nord e, come dice Aleksić, bombe all’uranio impoverito vi cadevano ogni giorno. Tuttavia, la gente del posto in seguito ha scoperto che la terra era contaminata e solo nel 2005 l’esercito jugoslavo ha effettuato la decontaminazione.

Questo avvocato di Niš fa notare che nel procedimento giudiziario da lui avviato ammira l’avvocato romano Angelo Fiore Tartaglia, che da anni ha rappresentato con successo i soldati italiani malati di cancro dopo aver prestato servizio in BiH e Kosovo, e se ne contano quasi 8.000. Circa 400 di loro sono morti per gli effetti del cancro e Tartaglia ha ricevuto fino ad oggi 330 verdetti legalmente vincolanti dopo aver dimostrato il legame tra l’uranio impoverito ei suoi effetti dannosi sulla salute di queste persone.

Rivela anche un nuovo dettaglio: che dieci giorni fa è stata presa una decisione a livello del Ministero della Difesa italiano, che non contesta più le conseguenze dell’uso dell’uranio impoverito, di cui parleranno Tartalja e la dott.ssa Rita Celli durante la loro visita in Serbia. Si tratta di un medico che è stato perito in due casi guidati da Aleksić – per il colonnello Dragan Stojičić, morto di cancro, e Ksenija Tadić di Belgrado, anch’essa malata di cancro, in cui la quantità di uranio impoverito è stata trovata essere 500 volte superiore alle dosi abituali.

L’esperienza italiana

– Voglio provare a fare quello che ha fatto Tartaglia in Italia davanti al nostro tribunale. Dato che l’Italia è membro della Nato, credo che il nostro tribunale deciderebbe molto più facilmente se avesse un uomo che riuscisse a spiegarlo in Italia, ma anche se usassimo i loro medici. Secondo la legge di procedura civile, se nel nostro Paese non esiste un istituto o istituzione in grado di fornire competenze su una specifica questione, possiamo avvalerci delle competenze in Italia, in Europa o altrove. Ma vorrei che facessimo tutto questo in Serbia, perché una perizia all’Istituto di Nanotecnologie di Torino costa 350 euro – spiega Aleksić, sottolineando di essere sicuro del successo.

Cita le spese processuali come uno dei problemi dei processi privati ​​più massicci contro la NATO: in Francia, ad esempio, costa 20 euro a processo, mentre in Serbia sono 97.000 dinari, e il doppio in caso di appello.

– Pertanto, un cittadino ha bisogno di diverse migliaia di euro di riserva. E 3400 persone ti hanno contattato. In definitiva, lavoriamo in un modo che si è dimostrato efficace in Occidente e utilizziamo i loro strumenti qui. Non voglio essere l’unico a farlo. I giovani avvocati potrebbero riunirsi per iniziare – dice Aleksić.

Il dottor Radomir Kovačević, tossicologo e direttore a lungo termine del Center for Radiation Protection, considera la battaglia legale di Aleksić la prima rondine, ma sottolinea che ciò che sta facendo non dovrebbe essere una rondine, ma un gregge, e sostiene che lo stato sia coinvolti in questo lavoro. .

Quanto uranio impoverito è stato scaricato

Kovačević ricorda che la NATO ha utilizzato munizioni all’uranio impoverito nel 1991 in Iraq, poi nella guerra in Bosnia ed Erzegovina per Hadžić, poi nel 1999 nell’aggressione contro la FRY. Come dice lui, ha pubblicato più di 300 articoli professionali e una monografia tradotta in diverse lingue.

Ha anche ricordato che su questo argomento sono stati pubblicati quattro rapporti di vari gruppi di esperti, tra cui l’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per la protezione dell’ambiente), e che solo il quarto, in cui esperti serbi, hanno presentato dati accurati.

– Questo rapporto ha mostrato esattamente cosa è stato trovato, compreso che l’uranio è stato rilevato nell’aria ed è stata anche determinata la presenza di plutonio. Hanno dovuto ammettere di aver sparato 31.000 missili, ovvero circa nove tonnellate. I nostri soldati affermano che si tratta di circa 45.000-51.000 missili, o 15 tonnellate. Fonti russe affermano che sono stati lanciati circa 90.000 missili, ovvero circa 30 tonnellate di uranio impoverito – afferma Kovačević.

I luoghi più vulnerabili

Per quanto riguarda i luoghi più a rischio, il nostro interlocutore afferma che nel 2001, quando la penisola di Luštica è stata decontaminata, la NATO è stata per la prima volta onesta e ha dato le quote esatte in cui ha lanciato più di 400 missili lì.

– Nel primo atto abbiamo trovato 103 proiettili interi e frammenti del peso di 38 chilogrammi. Poi abbiamo costruito bare rivestite di piombo e successivamente queste sono state spedite a Winch. Mi sono poi trasferito nel sud-est della Serbia lo stesso anno. E i montenegrini hanno tirato fuori 383 missili in due atti, mentre 17 sono rimasti da qualche parte in mare.L’estate scorsa mi hanno inviato le foto di due missili trovati da subacquei – racconta Kovačević.

Presenta anche dati sulla presenza di uranio impoverito in molte persone che ha esaminato in siti contaminati. Nei villaggi vicino a Vranje hanno trovato, come dice, valori medi da 36 a 231 nanogrammi per litro di urina, e nulla è permesso.

– Ricordo un artigiano del villaggio di Borovac la cui concentrazione era di 3759 nanogrammi per litro di urina, ovvero 3,7 milligrammi. Non credo che quest’uomo sia vivo da molto. Queste sono esattamente le concentrazioni di uranio che abbiamo trovato nei nostri agenti, anche se utilizzavano attrezzature complete – afferma il tossicologo. Aggiunge che l’impatto di queste attività è anche un gran numero di esperti del suo team che sono morti di cancro, quindi, come dice, non si può parlare solo della “via della morte” a Vranje, ma anche oltre.

Ricordando che la NATO rivendica l’immunità sulla base dell’accordo firmato con la Serbia, Srđan Aleksić dichiara che i crimini contro la popolazione civile non possono essere commessi utilizzando l’uranio impoverito, che ha avvelenato 60 generazioni senza esserne ritenuto responsabile.

Non c’è immunità dai crimini di guerra

– Nessun paese al mondo può garantire a nessuno l’immunità dai crimini di guerra. Se qualcuno lo ha fatto, ha inquinato il nostro ambiente, dice l’antico postulato romano: chi provoca un danno è obbligato a ripararlo, questo si insegna in tutto il mondo nel primo anno di legge. Non c’è immunità dalla responsabilità penale, soprattutto se si tratta di responsabilità nei confronti della popolazione civile – afferma l’avvocato.

Alla domanda su quanto risarcimento potrebbe essere dato a coloro che hanno citato in giudizio la NATO, Aleksic afferma che i soldati italiani malati di cancro hanno ricevuto un risarcimento che va da 300.000 a anche un milione di euro.

– Chi può stimare quanto costa una vita umana. Non ha prezzo. Ma c’è una pratica legale e una certa somma che viene pagata in Serbia. È così poco che non dovremmo parlare affatto. Dobbiamo discutere la pratica giudiziaria dei paesi della NATO. Penso che sarebbe realistico che i prezzi pagati in Italia venissero pagati anche ai nostri concittadini. Non si deve parlare sotto i 100.000 euro. E questo è poco – crede l’avvocato.

Alla fine, gli interlocutori dello Sputnik rispondono anche alla domanda se i processi contro la NATO appaiano loro come una lotta contro i mulini a vento.

– È nostro dovere non solo verso i nostri antenati, ma anche verso i nostri discendenti farlo bene. Deve essere fatto al più presto perché il patto NATO sta scomparendo e deve essere pagato al più presto. Non negoziamo, li lasceremo pagare quello che pagano i loro cani da guerra – scherza Kovačević e aggiunge che se rimaniamo in silenzio, ammettiamo la nostra colpa.

Aleksić sottolinea di credere nel diritto e nella giustizia: “La giustizia è realizzabile, ma ci vuole tempo”. Dobbiamo anche lavorare sulla giustizia. E dovresti chiedere: niente è impagabile se lo chiediamo onestamente. Nessuno ci ha dato il diritto di perdonare il danno. E sappiamo quanti danni ci sono stati fatti, sia materiali che immateriali”.

Ulisse Esposito

"Studente. Specialista del Web. Guru della musica. Esperto di bacon. Creatore. Organizzatore. Tipico viaggiatore. Studioso del caffè. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

desi hard porn youjizz.sex vel movie pooja xxx pornojo.mobi indian porrn videos قصص محارم شراميط analotube.net نيك مصرى قديم porn vergin xbeegtube.mobi bangali xxx in 31 tagalog tvteleserye.net ang probinsyano march 8 2022 episode advance full episode
blonde pussy freejavporn.mobi 麻呂の患者は ارضع بزازي fastfreeporn.com عنتيل المحلة sex telugu sex xxxx nimila.net tubetrooper bihari local sex video bigztube.mobi bollywood hq kajal agarwal sex pornspider.info hut sexy video
سكس فدي samyporn.com سكس جد desi xxx clips tubevector.mobi www.x video سكس مؤخره freepornarab.net سكس مخنثين xvxx videos hindisexclips.com free xvideos download shota futa guruhentai.com witch of steel: annerose