“Se l’Italia seguirà la strada dell’Ungheria, sarà un grosso problema”

La caduta di Mario Draghi ha fatto precipitare l’Italia in una crisi politica nel momento sbagliato. L’estrema destra Giorgia Meloni diventerà il nuovo Presidente del Consiglio dopo le elezioni del 25 settembre?

Nel mese di ottobre l’Italia commemora il centenario della Marcia su Roma, che portò al potere Benito Mussolini nel 1922. Ci sono buone probabilità che il paese fosse poi guidato da Giorgia Meloni, considerata da alcuni più o meno un’erede ducale della politica. Meloni guida il partito di destra radicale Fratelli d’Italia, l’unico a non partecipare al governo di unità di Mario Draghi. Non gli fa male: i sondaggi dicono che il 25 settembre diventerà la più grande festa d’Italia. Più grande anche del suo rivale di estrema destra, la Lega di Matteo Salvini. Con la Lega e Forza Italia di Silvio Berlusconi, i Fratelli formano un blocco di destra che vuole governare insieme. Insieme, ora otterrebbero abbastanza voti per assicurarsi la maggioranza in parlamento. Se il leader del più grande partito può diventare Presidente del Consiglio, Meloni si trasferisce a Palazzo Chigi a Roma.

Se l’Italia seguirà la strada dell’Ungheria, sarà un grosso problema.

Giorgia Meloni è entrata in politica nel movimento giovanile del Movimento Sociale Italiano (MSI), il partito fondato nel 1946 sulle idee di Mussolini. La questione di quanto Meloni sia oggi a destra diventa un problema della campagna in corso. Molte voci affermano che un governo guidato da Meloni sarebbe il più di destra della storia italiana recente, senza essere né fascista né neofascista. Certo, nel suo partito c’era gente che amava l’eredità del Duce e le sue idee, ma lei stessa dice che in Fratelli d’Italia non c’è spazio per la nostalgia.

Gli sviluppi sono monitorati da vicino anche al di fuori dell’Italia. Salvini e Berlusconi sono noti, a dir poco, per essere in buoni rapporti con Vladimir Putin. Un governo italiano di destra quindi considererebbe sicuramente la guerra in Ucraina con più simpatia per Mosca. L’Europa ha paura delle turbolenze economiche, dopo il periodo di stabilità sotto Draghi. Inoltre, il nazionalismo populista di Meloni è molto vicino all’approccio di Viktor Orban in Ungheria. Orban dimostra che non è vero che gli obblighi di uno Stato membro dell’Unione europea non lasciano spazio ad avventure politiche. Se l’Italia seguirà la strada dell’Ungheria, sarà un grosso problema.

Ma presto si tratterà meno della lotta tra democrazia e autocrazia alle urne che del potere d’acquisto del popolo. Meloni beneficia anche del fatto che la pressione migratoria in Europa è nuovamente in aumento. Ha subito chiesto un blocco in mare per tenere le barche dei migranti lontane dalle coste italiane. Un opuscolo online di Fratelli mostra esattamente cosa rappresenta la festa: mostra un’immagine di giovani bianchi avvolti in una bandiera italiana. Il partito utilizza ancora anche il tricolore, il vecchio logo MSI. Per chi vuole davvero prendere le distanze dal passato, è strano mantenere esattamente questo logo.

Ulisse Esposito

"Studente. Specialista del Web. Guru della musica. Esperto di bacon. Creatore. Organizzatore. Tipico viaggiatore. Studioso del caffè. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *