Perché l’Italia è in crisi politica – e dopo? | ADESSO

Il leader della Lega Matteo Salvini ha innescato una crisi politica in Italia all’inizio di agosto annunciando di voler porre fine al governo di coalizione. Due settimane dopo, questa coalizione è ancora in sella e non è chiaro cosa accadrà dopo. Cinque domande sulla crisi del governo italiano.

Cosa è successo nelle ultime settimane?

Il vicepremier italiano Matteo Salvini, leader del partito populista di destra Lega, ha annunciato giovedì 8 agosto di voler esprimere un voto di sfiducia contro il governo per lasciare la coalizione con il partito di protesta, i Cinque. Movimento delle stelle (M5S).

Le cose sono andate a gonfie vele dall’inizio della partnership tra i due partner, spinti l’uno nelle braccia dell’altro più dalla mancanza di seggi che dalle loro agende politiche.

Negli ultimi sondaggi la Lega sta andando bene ultimamente, molto meglio del M5S. Salvini vuole quindi che si svolgano nuove elezioni. Questi potrebbero consentire una coalizione con altri partiti di destra, come i Fratelli musulmani di estrema destra e Forza di centrodestra di Silvio Berlusconi.

Perché il governo non è ancora caduto?

La Lega ha ottenuto solo il 17% dei voti alle elezioni nazionali del 2018 e quindi non ha abbastanza parlamentari per determinare quando dovrebbe svolgersi il voto di fiducia.

Doveva essere discusso la scorsa settimana al Senato italiano, che è stato revocato dalla pausa, ma altri partiti hanno deciso di dimettersi. Il partner della coalizione M5S, il Partito Democratico (PD) di centrosinistra e Free and Equal (LeU, una federazione di tre piccoli partiti di opposizione di sinistra) hanno unito le forze per ritardare il piano di Salvini e consegnarlo alla sua piazza. Il dibattito è stato anticipato a questa settimana.

Cosa accadrà martedì?

Non è ancora chiaro; ci sono una serie di opzioni. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che formalmente non appartiene né alla Lega né al M5S, ma è più vicino a quest’ultimo partito, è stato convocato dal Senato per venire a spiegare la crisi politica.

Può poi essere respinto durante il voto di fiducia o scegliere di rassegnare le dimissioni al presidente Sergio Mattarella, abbandonando ufficialmente il governo. I commentatori politici italiani considerano quest’ultima opzione la più probabile.



Luigi Di Maio e Matteo Salvini (Immagine: Reuters)

La risposta di Salvini al piano del leader del M5S Luigi Di Maio di ridurre il numero dei parlamentari italiani da 951 a 605 complica ulteriormente la situazione. Il leader della Lega ha detto che il suo partito sosterrà la proposta, a patto che ci siano presto nuove elezioni. Giovedì 22 agosto si svolgerà la votazione sull’emendamento costituzionale necessario a tal fine. Se il governo cade prima di quella data, non accadrà.

Salvini si è un po’ bloccato con questa intenzione. Lo staff del presidente italiano ha detto ai media italiani che Mattarella non avrebbe consentito elezioni anticipate fino a quando i cambiamenti non fossero stati saldamente radicati nella costituzione. Potrebbero volerci mesi. Il leader della Lega potrebbe quindi cambiare idea.

Nei giorni scorsi ha già provato a riprendere i colloqui con il M5S. La sostituzione di alcuni ministri del M5S potrebbe mantenere a galla la coalizione, ha suggerito. “Il mio telefono è ancora acceso.”

Quali sono le opzioni se il governo cade?

In ogni caso, è probabile che il leader leghista vedrà la sua intenzione di sfasciare il gabinetto. Poi tocca al presidente Mattarella determinare i prossimi passi.

Il Capo dello Stato incontrerà prima tutti i leader del partito per vedere se è possibile una nuova coalizione. In caso contrario, indicherà elezioni anticipate. Ciò avverrà probabilmente alla fine di ottobre. In vista di queste elezioni, Mattarella può nominare un governo provvisorio di tecnocrati.

C’è spazio per un’altra coalizione oltre a quella tra Lega e M5S?

In teoria si. M5S, PD e LeU hanno già dimostrato di poter mobilitare una maggioranza parlamentare (di centrosinistra). Dati gli scarsi risultati del M5S alle urne (che rischia di perdere metà dei seggi), potrebbe essere particolarmente importante per questo partito evitare le elezioni.

Tuttavia, la collaborazione tra M5S e PD è resa più difficile dal rapporto teso tra i due. La resistenza a partiti affermati come il PD è ciò che dà al movimento di Di Maio la sua ragion d’essere.

Inoltre, ingombra il PD stesso. Nicola Zingaretti è stato recentemente eletto nuovo leader del partito, ma molti parlamentari attuali sono ancora legati all’ex leader Matteo Renzi. Zingaretti può optare per nuove elezioni. Il PD quasi certamente perderebbe quello, ma potrebbe portare il suo stesso popolo in parlamento.

Cosa dicono davvero i sondaggi?

La scorsa settimana è emerso un sondaggio in cui la Lega ha ottenuto il 38% dei voti, il PD il 23% e il M5S il 16,5%.

Tra i possibili nuovi alleati della Lega, i Fratelli d’Italia – partito di destra radicale con radici neofasciste – hanno chiuso all’8% e Forza Italia di Silvio Berlusconi al 6,5%.

Ulisse Esposito

"Studente. Specialista del Web. Guru della musica. Esperto di bacon. Creatore. Organizzatore. Tipico viaggiatore. Studioso del caffè. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *