La Venezia del Patrimonio Mondiale in pericolo: il Patrimonio Mondiale obbliga

Il Patrimonio Mondiale è un attributo che attrae i turisti. Ma il prezzo obbliga: per garantire che Venezia non affondi, i politici devono adottare misure severe.

Venezia si trova di fronte a un dilemma. Il Comitato per il Patrimonio Mondiale dell’UNESCO si riunisce in occasione della sua conferenza a Riyadh dal 10 al 25 settembre e discute non solo dell’inclusione di nuovi siti nella Lista del Patrimonio Mondiale, ma anche di come il patrimonio umano possa essere meglio protetto. Poi si deciderà anche se la città italiana dovrà essere classificata come “particolarmente a rischio”.

esperti di Agenzia specializzata delle Nazioni Unite Lo consigliamo a causa del “continuo deterioramento dovuto all’intervento umano” che minaccia cambiamenti irreversibili. I problemi sono noti da anni nella città italiana.

Divieti poco convinti

Venezia e la sua laguna sono nella Lista del Patrimonio Mondiale dal 1987. E dal 2021 Venezia è sfuggita per un pelo a questo cartellino rosso, poiché la città ha temporaneamente vietato alle navi da crociera di una certa dimensione di navigare a Saint-Marc e nel centro storico . Da allora dovranno gettare l’ancora nel porto industriale, situato a pochi chilometri di distanza.

Già allora i critici avevano lamentato che si trattava solo di interventi cosmetici, visto che le enormi navi già navigavano in laguna. Allo stato attuale, gli sforzi del sindaco e di tutte le persone coinvolte non sono stati sufficienti per proteggere il sito Patrimonio dell’Umanità dal turismo eccessivo, dalla follia edilizia e dalle conseguenze del cambiamento climatico.

Da un lato, lo status di Patrimonio Mondiale è un eccellente strumento di marketing per attirare i turisti. A Cartagine, ad esempio, il sito degli scavi e le antiche rovine furono salvate nel 1979 grazie allo status di Patrimonio dell’Umanità (le mura furono in parte utilizzate come cava per la costruzione di nuovi edifici) e oggi non sono solo un’attrazione per gli storici dilettanti .



Non c’è quasi nessun vacanziere in Tunisia che non abbia passeggiato per il sito a 30 gradi e non abbia ammirato i vecchi vasi e i resti delle terme di Antonio Pio. D’altro canto comporta anche delle responsabilità. Il metodo del “Guardiamo” è molto pericoloso, tuttavia sono comprensibili i tentativi dei politici di bilanciare gli interessi, cioè di non infastidire la lobby turistica e non i cittadini che offrono i loro appartamenti e le loro case come hotel e Airbnb privati.

Il livello del mare continua a salire, violenti temporali, siccità, inondazioni sono in aumento – la laguna si è prosciugata solo di recente, le inondazioni invernali sono note da tempo – e il patrimonio di gioielli architettonici e di altri edifici antichi si è recentemente arricchito. costruendo ampliamenti per accogliere ancora più turisti, anche la città è in pericolo. Per non parlare dell’acqua salata che corrode gli edifici e ne minaccia la sostanza.

onore e obbligo

Questo è il nodo della tutela dei monumenti. Un castello, un castello, un antico paesaggio di rovine, una città protetta da un monumento: questo è un titolo d’onore, ma comporta anche degli obblighi. La cura e la manutenzione costano denaro e allo stesso tempo offrono buoni affari a lungo termine. Perché una volta distrutto un monumento non arrivano più turisti. Anche le misure compensative morbide difficilmente porteranno al successo a Venezia.

Potete già vedere cosa stanno facendo i cambiamenti climatici causati dall’uomo e l’avidità di profitto. Venezia è stata a lungo un memoriale minacciato di distruzione. Se si prende sul serio l’allarme spesso sentito “Venezia sta morendo”, sono necessarie misure drastiche, limitare il flusso di turisti e fermare la follia edilizia, anche se rappresenta un indebolimento della sovranità della città. Altrimenti resta solo una cosa da fare: assistere con orrore alla caduta della città, forse prima del previsto.

Ulisse Esposito

"Studente. Specialista del Web. Guru della musica. Esperto di bacon. Creatore. Organizzatore. Tipico viaggiatore. Studioso del caffè. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *