Cronaca nera: Morte in una clinica penitenziaria: muore il boss mafioso Messina Denaro – Cronaca

Contribuì anche ad organizzare il rapimento del piccolo Giuseppe Di Matteo nel 1993: il ragazzo fu rapito affinché il padre non testimoniasse in tribunale. Dopo 779 giorni, i mafiosi lo strangolarono poco prima del suo quindicesimo compleanno e dissolsero il corpo nell’acido.

In questo momento Messina Denaro cominciava ad ascendere alla posizione di boss di Cosa Nostra. Fu considerato il confidente e poi successore degli ex padrini Salvatore “Totò” Riina e Bernardo Provenzano. Il brutale e spietato Riina venne soprannominato il “boss dei boss”. Fu arrestato il 15 gennaio 1993, quasi esattamente 30 anni prima di Messina Denaro. Riina e Provenzano sono morti in carcere rispettivamente nel 2017 e nel 2016.

Una nuova Cosa Nostra possibile?

Poco dopo la morte di Messina Denaro circolavano già le prime speculazioni sul futuro di Cosa Nostra e su un possibile successore del boss mafioso. Ci sono segnali di una nuova Cosa Nostra basata sulle tradizioni, scrive l’esperto antimafia Lirio Abbate su “La Repubblica”.

Tuttavia, è un mix di elementi nuovi e vecchi, nonché di vecchie linee familiari e di giovani aspiranti mafiosi. È anche discutibile se un’unica figura dominante sia ancora rilevante, considerato il riallineamento dei clan. “Una nuova Cosa Nostra, ancora invisibile ai nostri occhi, è già pronta per essere lanciata”, ha detto Abbate.

Molte domande rimangono senza risposta

Messina Denaro sapeva da tempo di avere un cancro. Era già ricoverato da diversi mesi presso la clinica privata dove è stato infine arrestato. Lì era conosciuto come Andrea Bonafede, è stato operato ed è venuto anche per controlli successivi. Al momento del suo arresto aveva anche una carta d’identità con questo nome e persino un codice fiscale per l’amministrazione finanziaria.

Fino ad oggi, il pubblico non ha mai saputo esattamente come sia riuscito a rimanere nascosto per così tanto tempo. Si presume che avesse sostenitori anche da parte dello Stato. Lo scrittore antimafia Roberto Saviano, che vive lui stesso sotto costante sorveglianza della polizia, ha detto il giorno del suo arresto: “Come tutti i boss, è rimasto esattamente dove tutti sanno che si trova”. Quando è stato arrestato ha subito ammesso: “Sono Matteo Messina Denaro”. I pazienti presenti all’operazione di polizia hanno applaudito i servizi di emergenza.

“Mi hai preso perché sto male”

Secondo gli investigatori, Messina Denaro non ha mai voluto collaborare con le autorità, nemmeno dopo il suo arresto. Durante l’interrogatorio, avrebbe detto: “Non voglio essere Superman o sembrare arrogante. Mi avete preso perché sono malato”. I media italiani hanno riferito che Messina Denaro aveva già chiarito durante i primi interrogatori di non voler collaborare. Secondo quanto riferito, ha detto dei suoi beni: “Certo che ho dei beni, ma non ti dirò niente, sarebbe stupido”.

Durante la permanenza in carcere, il boss mafioso ha dovuto subire due operazioni, l’ultima ad agosto. Ha ricevuto anche la chemioterapia. Secondo i medici, nelle ultime ore gli sono stati somministrati solo antidolorifici. Anche Messina Denaro non dovrebbe essere sepolto in una chiesa, come riporta il “Corriere della Sera”. La Chiesa di Sicilia generalmente non consente funerali religiosi per i mafiosi. Il boss mafioso sarà sepolto con una cerimonia privata al cimitero del suo paese natale, Castelvetrano, nella cappella di famiglia.

Ulisse Esposito

"Studente. Specialista del Web. Guru della musica. Esperto di bacon. Creatore. Organizzatore. Tipico viaggiatore. Studioso del caffè. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *