Con la Meloni la politica migratoria europea assume un carattere molto italiano

La primavera è arrivata, e questo non è del tutto positivo per i policy maker di Bruxelles. L’Europa vuole a tutti i costi evitare che decine di barconi di migranti attracchino nuovamente sulle sue coste quando il Mediterraneo tornerà ad essere più calmo. Si teme che l’estrema destra – che sta già ottenendo ottimi risultati nei sondaggi – otterrà risultati ancora più forti alle elezioni europee di giugno se riuscirà a rendere la migrazione una questione elettorale dominante.

Anche per questo motivo l’Unione europea concluderà domenica al Cairo un accordo con l’Egitto. Ufficialmente sembra che l’Egitto riceverà 7,4 miliardi di euro in aiuti per sostenere la sua economia in difficoltà. Ma in realtà è tutta una questione di migrazione. I conflitti nei paesi vicini all’Egitto, Sudan e Palestina, potrebbero portare a una pressione migratoria ancora maggiore, teme l’Europa.

L’Egitto utilizzerebbe il denaro per accogliere i rifugiati sudanesi e rafforzare il confine con la Libia, da dove i migranti attraversano il Mediterraneo verso l’Europa. Domenica il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi attenderà una numerosa delegazione. Oltre alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, visiterà anche il primo ministro belga Alexander De Croo in qualità di presidente ad interim del Consiglio dell’UE, accompagnato dal primo ministro greco Kiriakos Mitsotakis e dal primo ministro italiano Giorgia Meloni.

La Meloni è quindi ancora una volta presente alla firma di un accordo europeo sulle migrazioni. Il suo gabinetto di destra ha lavorato a stretto contatto su questo tema, proprio come ha fatto l’estate scorsa con l’accordo con la Tunisia.

Leggi anche
La nuova Europa guarda innanzitutto a se stessa

I carri armati Leopard sono pronti ad addestrare i soldati ucraini in una base militare a Klietz, in Germania.  La difesa sembra diventare la punta di diamante della nuova Europa.

Eppure non è certo scontato che lei, in qualità di Primo Ministro italiano, stringa la mano a Sissi al Cairo. Si ritiene che il leader egiziano sia responsabile di aver coperto il rapimento, la tortura e l’omicidio di Giulio Regeni, un ricercatore universitario italiano di 28 anni, nel 2016. Quattro agenti di sicurezza egiziani sono attualmente sotto processo a Roma, ma tutti e quattro sono in carcere. sicurezza in patria in Egitto, dove il regime di Sissi li protegge.

Nonostante il trauma nazionale del suo paese, la Meloni è stata il primo primo ministro italiano dopo l’assassinio a rinnovare i legami con Sissi al Cairo e ora sta addirittura concludendo con lui un accordo sull’immigrazione. Ciò dimostra non solo quanto questo sia importante per lei, ma anche che si sente abbastanza forte politicamente da sfidare le critiche in Italia.

E la Meloni è forte anche fuori dall’Italia. Poco dopo la sua nomina a primo ministro – quando l’Europa era ancora immersa nella paura del “pericolo post-fascista proveniente dall’Italia” – la Meloni si recò da Von der Leyen, con la quale riuscì presto a stringere stretti legami. In combinazione con il suo costante impegno nei confronti dell’Ucraina, Meloni è entrato con successo nella famiglia dei leader europei con cui fare affari.

“La Meloni si è allontanata dall’estrema destra e si è rivolta al Partito popolare europeo di Ursula von der Leyen”, afferma Fulvio Vassallo Paleologo, esperto italiano di asilo e migrazione. “E anche lo stesso PPE si è spostato, più chiaramente a destra del centro”.

Salvatore Nicolosi, professore assistente di diritto internazionale ed europeo delle migrazioni all’Università di Utrecht, rileva che Meloni, la Commissione europea e molti Stati membri condividono la stessa visione delle migrazioni. “E questo significa che devono arrivare meno persone, che è ciò che vogliono ottenere stringendo accordi con paesi terzi e costruendo centri di accoglienza per migranti al di fuori dei confini europei. La Meloni opera in modo molto strategico, dice Nicolosi: “Ha una buona idea di come tira il vento in Europa. E ha trovato il modo di influenzare la politica migratoria europea in modo da servire anche gli interessi italiani”.

Reputazione nera come l’oro

Meloni ha svolto un ruolo importante nell’accordo con l’Egitto, proprio come ha fatto nell’accordo con la Tunisia, che il primo ministro italiano ha firmato l’estate scorsa con Von der Leyen e il primo ministro Mark Rutte. E come criticammo allora l’accordo con un autocrate come Kais Saied, che incitò la popolazione a una vera e propria caccia all’uomo contro i migranti neri in Tunisia, questa volta criticammo anche Sissi, capo di un regime dalla reputazione nera in termini di diritti umani.

L’organizzazione Piattaforma Rifugiati in Egitto (RPE) segnala una legge che criminalizza l’aiuto ai migranti irregolari. I migranti possono anche essere semplicemente arrestati ed espulsi, secondo l’RPE, anche se hanno già un permesso di soggiorno. Inoltre, l’apparato governativo egiziano è notoriamente corrotto. Ad esempio, i palestinesi disperati che cercano di fuggire dalla carestia e dalla guerra nella Striscia di Gaza ora pagano fortune per raggiungere il vicino Egitto – denaro che finisce nelle tasche dei funzionari egiziani.

Il regime è tutt’altro che indulgente nei confronti degli stessi egiziani. Secondo Nicolosi, offrire aiuto a un leader autocratico come Sissi significa che la repressione nel suo Paese non diminuirà, mentre molti egiziani già vogliono fuggire dal proprio Paese. “Inoltre, non è garantito che l’Egitto faccia ciò che vuole l’Europa”.

L’accordo del 2016 con la Turchia, concluso con il presidente Recep Tayyip Erdogan, è all’origine di questo tipo di accordi europei sulla migrazione. Ha poi ripetutamente minacciato di permettere ai migranti di proseguire il loro viaggio verso l’Europa se non avesse ricevuto più soldi. Gli accordi con leader autoritari espongono quindi l’Europa al ricatto. Ma rallentare la migrazione è ciò che vogliono quasi tutti gli Stati membri. Gli accordi con i paesi terzi sono ancora considerati un modo adeguato per raggiungere questo obiettivo, anche se alcuni esperti ne dubitano fortemente. “I migranti trovano sempre una strada”, dice ad esempio Nicolosi.

Ruolo pionieristico

La Meloni è una leader che spinge la politica migratoria europea nella sua direzione ideologica? O sta semplicemente approfittando di questo momento politico? In ogni caso la Meloni gioca un ruolo pionieristico nel recente accordo tra Italia e Albania.

Dal punto di vista giuridico questo accordo è estremamente discutibile, in quanto l’Italia consentirebbe ai migranti di essere accolti in Albania e vorrebbe anche consentire ai migranti di sottoporsi lì alla procedura europea di asilo.

Ma in realtà la Commissione europea è soddisfatta dell’accordo con l’Albania, dice Nicolosi. “L’Europa pensa che questo sia un buon test. Non è giuridicamente possibile per l’UE nel suo complesso concludere un simile accordo con un paese terzo, ma ciò soddisfa gli obiettivi della politica europea”.

Per ora resta la questione se l’accordo con l’Albania funzionerà: l’accordo entrerà in vigore questa primavera, ma i centri per migranti non sono ancora stati costruiti. Ma se dovesse riuscirci, Nicolosi prevede che la soglia per raggiungere tali accordi sarà più bassa anche per altri paesi.

Leggi anche
La storia di Mariam e Didi simboleggia la lotta apparentemente infinita dell’Europa contro l’immigrazione

IL protagonista femminile La Meloni non rientra più nella politica migratoria europea, dice Fulvio Vassallo. “Nel 2016 l’accordo con la Turchia portava fortemente la firma della cancelliera Angela Merkel, soprattutto considerando il peso della Germania in quel momento”, dice. “Questo non vale per l’Italia. La Meloni si siede al tavolo e gioca a carte, ma non distribuisce le carte.

La Meloni è riuscita a far capire agli Stati del Nord che meno migranti arrivano in Italia, meno andranno in Germania o nei Paesi Bassi. Nel frattempo, anche il Nord Europa si sta rendendo conto dell’importanza di frontiere esterne ben protette.

Per l’Italia, l’immigrazione è un’esperienza politica molto più antica che per il resto d’Europa. Per vent’anni tutti i governi hanno cercato di rallentare questo afflusso. Il governo di centrosinistra di Paolo Gentiloni (2017) e quello di centrodestra di Silvio Berlusconi (2008) hanno raggiunto accordi con la Libia, paese noto per le violazioni dei diritti umani.

Quattro anni prima Berlusconi ha già rimandato i migranti da Lampedusa in Libia. “Non c’erano ancora controlli alle frontiere europee”, spiega Vassallo. L’agenzia per le frontiere Frontex è stata creata solo nel 2004 e fino al 2011 non disponeva praticamente di risorse né di personale. “Invece di ‘melonizzazione’ della politica europea d’asilo, mi sembra migliore ‘italianizzazione'”, conclude l’esperto in materia di asilo. E per Meloni, primo ministro italiano ed eletto con una politica migratoria decisamente di destra, lo spirito dei tempi è ormai in pieno svolgimento.




Carlita Gallo

Futuro idolo degli adolescenti. Devoto esperto di viaggi. Guru di zombi. Introverso per tutta la vita. Appassionato di birra impenitente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

desi hard porn youjizz.sex vel movie pooja xxx pornojo.mobi indian porrn videos قصص محارم شراميط analotube.net نيك مصرى قديم porn vergin xbeegtube.mobi bangali xxx in 31 tagalog tvteleserye.net ang probinsyano march 8 2022 episode advance full episode
blonde pussy freejavporn.mobi 麻呂の患者は ارضع بزازي fastfreeporn.com عنتيل المحلة sex telugu sex xxxx nimila.net tubetrooper bihari local sex video bigztube.mobi bollywood hq kajal agarwal sex pornspider.info hut sexy video
سكس فدي samyporn.com سكس جد desi xxx clips tubevector.mobi www.x video سكس مؤخره freepornarab.net سكس مخنثين xvxx videos hindisexclips.com free xvideos download shota futa guruhentai.com witch of steel: annerose