Circostanze calcistiche dell’occupazione 1968. Eden divenne un campo militare

L’invasione della Cecoslovacchia nel 1968 e soprattutto la notizia del numero crescente di vittime civili, delle proprietà distrutte e della devastazione dell’intero Paese, provocarono tempestose reazioni contro gli aggressori. Mentre i politici procedevano con grande diplomazia, gli atleti dei paesi occidentali esprimevano apertamente la loro indignazione.

E a causa dell’occupazione, il destino delle coppe di calcio europee è cambiato.

La dirigenza del club italiano AC Milan ha dichiarato di rifiutarsi di giocare contro i rivali dell’ex Repubblica Democratica Popolare Bulgara, le cui truppe hanno preso parte all’attacco alla Cecoslovacchia. Ben presto al club lombardo si unì il Celtic Glasgow, vincitore della Coppa dei Campioni dell’anno precedente, che era stato sorteggiato dall’ungherese Ferencváros Budapest.

La UEFA ha reagito con forza. Il 30 agosto convoca un comitato esecutivo nella sua sede di Ginevra e trova una soluzione: si affronteranno i rappresentanti degli Stati che hanno partecipato all’invasione militare. Ferencváros avrebbe dovuto affrontare Levski Sofia, Dynamo Kyiv vs Ruch Chorzow. In termini relativi, la squadra della Germania dell’Est Carl Zeiss Jena è risultata in testa, che è stata lasciata all’ambasciatore jugoslavo originariamente attirato dal Crvena Zvezda Belgrado da uno stato amico del blocco socialista.

Anche la squadra rumena Steaua Bucharest non è stata interessata, poiché la Repubblica socialista di Romania ha rifiutato di unirsi all’occupazione, anche se era un membro del Patto di Varsavia. Il campione cecoslovacco Spartak Trnava divenne un’unità rivale dell’esercito molestata dalle autorità governative e dal partito comunista.

Alla fine, l’apparizione dei club nella competizione di coppa più preziosa dei paesi aggressori di guerra non è avvenuta, si sono tutti ritirati. La UEFA ha accettato la decisione con grande sollievo, sono stati evitati possibili conflitti e provocazioni spiacevoli, perché uno dei due sarebbe passato ai turni successivi e l’antipatia per loro sarebbe stata solo rimandata.

E la Uefa non ha nemmeno sanzionato i club per aver danneggiato arbitrariamente la competizione, per non aver rispettato l’obbligo di partecipazione previa registrazione, definendolo un “caso straordinario senza precedenti”.

Gli sciatori sarebbero più accettabili

Nel sorteggio di luglio, i campioni di Cecoslovacchia dello Spartak Trnava sono stati ceduti all’avversario svedese Malmö FF, dopo il pareggio di fine agosto, l’orgoglio rumeno Steaua Bucharest. Un cambiamento molto grande. “Je ne savais même pas que c’était arrivé”, avoue Karol Dobiaš, alors étoile montante de l’équipe de Trnava, championne d’Europe en 1976. “Et personne n’en parlait même dans la cabine”, se souvient- egli.

Dal punto di vista odierno, l’ignoranza è incomprensibile fino alla punizione, proprio dilettante. Non sapere chi ha la squadra come avversaria in Coppa dei Campioni. Tuttavia, è necessario ricordare le circostanze. Il Trnava è diventato campione per la prima volta nella storia, respingendo i difensori dello Sparta Praha e i tenaci concorrenti slovacchi Slovan Bratislava e Jednota Trenčín. “I festeggiamenti sono stati grandi”, ricorda Dobiaš.

Leggende del calcio nell’elenco delle notizie

I giocatori sono andati in vacanza, la competizione europea era così lontana, il primo turno si è svolto solo nella seconda metà di settembre, nessun turno preliminare. Anche la Coppa dei Campioni più preziosa non ha portato ricompense finanziarie tali che oggi, inoltre, la rappresentativa cecoslovacca ha superato abbastanza comodamente i primi turni. Dukla raggiunse le semifinali nel 1967, lo Sparta un anno dopo nei quarti di finale, dove perse contro il famoso Real Madrid.

Campo militare nell’Eden

L’occupazione di agosto ha sollevato principalmente preoccupazioni per la concorrenza interna. Nonostante si siano svolti i primi due turni del nuovo anno, il successivo è stato posticipato e la palla non è stata lanciata per un mese intero. Alcuni campi sportivi sono stati trasformati in campi militari (Slavic Eden), a Teplice oa Košice gli occupanti hanno annunciato il divieto di assembramenti. Il campionato non poteva essere giocato. “E ‘stato un momento difficile”, ha detto Dobiaš.

All’inizio delle coppe, Trnava ha affrontato una squadra forte di Bucarest. “Erano sicuramente un avversario più duro del Malmö”, ha detto Dobiaš. Spiare l’avversario non era comune in quel momento, le informazioni dettagliate sulle squadre non erano complete. Ma ci sono state esperienze. “Ai nostri tempi, i club svedesi, finlandesi o norvegesi non avevano un livello generale, i loro giocatori erano più sciatori che calciatori”, ha spiegato Dobiaš. “Abbiamo dato loro cinque, sei gol”, ha detto.

Ma lo Spartak se ne va. Dopo una spiacevole sconfitta esterna per 1-3 in casa, la squadra si è ribaltata con un netto 4-0. Nel round successivo, Reipas ha schiacciato Lahti 9:1 (la partita è stata giocata a Vienna a causa del maltempo in Islanda) e 7:1. Milan e Benfica Lisbona hanno pareggio gratuito, le squadre dei paesi socialisti si sono ritirate. Nei quarti di finale, Trnava batte la greca AEK Atene (2:1 e 1:1) e c’è un successo storico: le semifinali.

In questo caso, la fortuna favorisce l’Ajax Amsterdam, che manterrà il vantaggio per 3-0 sul suolo olandese nella rivincita, anche se il Trnava è a un gol dal confronto dei punteggi – 2-0. “Li abbiamo presi, il famoso Cruyff non ha nemmeno scalciato”, sospira Dobiaš anche anni dopo.

Alla fine il trofeo va al Milan, che per primo ha rifiutato di giocare contro una squadra del paese degli aggressori. E dopo il pareggio, gli svedesi Malmö FF sono andati all’avversario originale Trnava…

Slovan ha portato la tazza

Tuttavia, le modifiche hanno interessato anche altre competizioni europee. Come in PMEZ, la Coppa delle Coppe è stata sorteggiata secondo lo stesso principio, vedendo la Dinamo Mosca contro Górnik Zabrze, lo Spartak Sofia contro l’Union Berlin e la Dinamo Bucarest contro il Vasas Györ. E anche lì, tutti i club degli stati socialisti hanno preferito ritirarsi.

Inizialmente lo Slovan Bratislava doveva affrontare l’islandese KR Reykjavík, ma è costretto a giocare contro l’FK Bor jugoslavo. Ci riesce con le orecchie graffiate (3:0 e 0:2), ma poi ferma il portoghese FC Porto (0:1 e 4:0), l’italiano AC Torino (1:0 e 2:1), il Scottish Dunfermline Athletic (1:1 e 1:0).

A Basilea, in Svizzera, si conferma il secondo Zlata bula Sicilia, lo Slovan batte il famoso FC Barcelona per 3:2 nella finale PVP e diventa la prima e ultima squadra cecoslovacca a trionfare sulla scena europea. Gli uomini di coach Jozef Vičan portano a Bratislava il trofeo più prezioso nella storia della federazione.

L’anno un po’ strano 1968/1969 è stato l’anno di maggior successo per il calcio cecoslovacco.

Ulisse Esposito

"Studente. Specialista del Web. Guru della musica. Esperto di bacon. Creatore. Organizzatore. Tipico viaggiatore. Studioso del caffè. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

desi hard porn youjizz.sex vel movie pooja xxx pornojo.mobi indian porrn videos قصص محارم شراميط analotube.net نيك مصرى قديم porn vergin xbeegtube.mobi bangali xxx in 31 tagalog tvteleserye.net ang probinsyano march 8 2022 episode advance full episode
blonde pussy freejavporn.mobi 麻呂の患者は ارضع بزازي fastfreeporn.com عنتيل المحلة sex telugu sex xxxx nimila.net tubetrooper bihari local sex video bigztube.mobi bollywood hq kajal agarwal sex pornspider.info hut sexy video
سكس فدي samyporn.com سكس جد desi xxx clips tubevector.mobi www.x video سكس مؤخره freepornarab.net سكس مخنثين xvxx videos hindisexclips.com free xvideos download shota futa guruhentai.com witch of steel: annerose